Accedi

Ho dimenticato la password

Dicembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Ultimi argomenti
» After Xmas 2015
Dom 20 Dic 2015 - 1:22 Da Marco Bulgarelli

» Colac - Via ferrata dei Finanzieri
Lun 24 Ago 2015 - 14:05 Da Marco Bulgarelli

» Pizzo Badile Camuno
Sab 23 Mag 2015 - 23:03 Da Marco Bulgarelli

» Monte Altissimo - Alpi Apuane
Mar 7 Apr 2015 - 19:49 Da Marco Bulgarelli

» La Nuda - Appennino Reggiano
Lun 26 Gen 2015 - 19:48 Da Marco Bulgarelli

Flusso RSS


MSN 


Parole chiave


Tecnica di progressione con le ciaspole

Andare in basso

Tecnica di progressione con le ciaspole

Messaggio  Paolo Lottini il Mar 24 Gen 2012 - 17:41

La postura delle gambe deve essere leggermente più divaricata del solito in maniera che le racchette non si sormontino, e quindi evitare spiacevoli cadute nella neve.

Il passo: un errore che potrebbe contribuire alla rinuncia della nostra meta, è quello di partire troppo velocemente, senza valutare ed economizzare ogni movimento superfluo, partir piano è dunque sempre una buona regola. Nella neve fresca, dove per forza si affonda, il passo deve essere cadenzato: avanzamento del piede, appoggio e caricamento effettuati in sintonia con l'azione volontaria del quadricipite, spostamento del busto sopra il piede in azione.

La progressione deve essere fluida e precisa per consentire l’appoggio del piede con la dovuta sicurezza. Il busto rimane pressoché eretto evitando eccessivi spostamenti, in avanti e indietro, che potrebbero provocare fastidiosi "mal di schiena". Le braccia, leggermente aperte, servono essenzialmente per mantenere l'equilibrio, aiutate dall’appoggio alternato dei bastoncini (di lunghezza leggermente maggiore di quelli per lo sci).

La salita deve essere affrontata sulla sua massima pendenza, così da far lavorare il rampone che si trova applicato sotto la ciaspola. Su terreni difficili, come la neve dura o quella soffice, con la punta del piede e il ramponcino della ciaspola si deve "costruire un piccolo gradino" prima di fare il passo successivo. La gamba caricata deve essere tesa, prima di portar avanti la gamba successiva cioè la tibia, il ginocchio, e il femore devono essere in asse, in modo che il quadricipite non sia sempre sotto sforzo.

I traversi. A volte bisogna affrontare delle diagonali o dei traversi per poter cambiare direzione. Se la neve è soffice non sussistono problemi, ma con neve compattata e dura si devono adottare le seguenti accortezze. Molte ciaspole non hanno grip laterali e l’appoggio della ciaspola di traverso rispetto il pendio non da nessuna presa. Se il pendio non è molto ripido, possiamo attraversarlo normalmente, con la ciaspola a monte che segue la linea di marcia, mentre quella a valle con una torsione del piede faccio in modo che la punta della sia rivolta il più possibile verso monte, facendo lavorare il ramponcino della ciaspola. Quando il pendio diventa più sostenuto e impegnativo, dobbiamo mettere entrambe le punte verso monte, e con passi laterali spostarsi verso la direzione voluta spostando prima le braccia e i bastoncini, poi la gambe e ciaspole. Non ci si deve mai spostare in ambio, cioè braccio e gamba assieme perché così facendo ci si troverebbe con solo 2 punti fissi, mentre in questi casi è meglio avere sempre 3 punti di appoggio facendo attenzione che il bastoncini e il rampone della ciaspola siano sempre in presa.

La discesa.
E’ importante affrontare la discesa con piccoli passi sulla massima pendenza, in questo modo si fa lavorare il rampone e la punta della ciaspola non rimane imprigionata nella neve. Se la discesa diventa più ripida e si tende a scivolare, si deve ricorrere alla tecnica del "telemark", e non a quella dello sci classico. Sempre sulla massima pendenza appena la ciaspola comincia a scivolare, con movimento rapido e deciso, si deve abbassare molto il baricentro, ottenendo così molta più stabilità ed equilibrio. Il movimento è determinato dal piegamento in avanti del ginocchio della gamba che avanza, mentre il ginocchio della gamba posteriore si abbassa molto, quasi a toccare la ciaspola. Appena terminata la scivolata, con movimento rapido e deciso si continua con il passo successivo. Le braccia, molto aperte e avanzate, assumono un ruolo importante per il mantenimento dell'equilibrio. Il dietro-front va eseguito con piccoli spostamenti circolari, non in un unico passo.

_________________
Non esistono montagne impossibili. Esistono solo uomini che non sono capaci di salirle.

Torna in alto Andare in basso

Re: Tecnica di progressione con le ciaspole

Messaggio  simoneb il Mer 22 Feb 2012 - 21:08

Spettacolo Paolo.
Una rinfrescata a quanto ci hai detto al Passo Oclini da conservare con cura.

Simone
avatar
simoneb
Ordinary User
Ordinary User


Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Tecnica di progressione con le ciaspole

Messaggio  Paolo Lottini il Ven 24 Feb 2012 - 15:37

simoneb ha scritto:Spettacolo Paolo.
Una rinfrescata a quanto ci hai detto al Passo Oclini da conservare con cura.

Simone
Le ciaspole sono un po' come la bicicletta... "una volta che hai imparato come usarle, non te lo dimentichi" usarle bene però può fare la differenza tra divertirsi o massacrarsi.

p

_________________
Non esistono montagne impossibili. Esistono solo uomini che non sono capaci di salirle.

Torna in alto Andare in basso

Re: Tecnica di progressione con le ciaspole

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum